Io e Roma

Dopo 7 anni a vivere fuori, lontano (anche se non troppo) dalla mia città, nel corso del 2012 ero tornato ad essere “cittadino romano”. Ma sono andato via di nuovo già all’inizio del 2014, costretto, si, da precarietà lavorativa e spese esorbitanti, ma anche da caos, sporcizia, inquinamento. In una parola: degrado. Questo degrado l’ho visto crescere, peggiorare di anno in anno. Negli ultimi tempi avevo assistito allo scempio da pendolare. Dopo il lavoro me ne tornavo nelle campagne a nord della città e mi rilassavo, mi ricaricavo.
Quando ero andato via dalla città, abitavo in periferia. Erano più di 20 anni che non vivevo in una zona centrale. Prima avevo abitato, vivendo con i miei, in tre angoli diversi del quartiere Tuscolano. Il ritorno recente era avvenuto nel quartiere della Vittoria, nome emblematico visto che un passo del genere poteva solo essere nei miei sogni anche meno di 10 anni fa.

Captain’s Log, Nov 11, 2004.

A cavallo ddsc00096el 2004 e del 2005 ebbi l’occasione di lavorare negli USA, tra New York e New Jersey per circa tre mesi. Esperienza dura ed intensa. Quello che segue è un resoconto inviato agli amici italiani dopo un paio di settimane, mentre ero a bordo di una vecchia nave oceanografica nella baia di New York. Ovviamente quello che scrivo è anche frutto dello stress a cui ero sottoposto. Diverse cose sono cambiate da quell’anno nei miei rapporti con New York. A distanza di 9 anni il ricordo di quel periodo è molto più positivo di quello che traspare dal testo.
Dopo meno di un mese, colei che ora è mia moglie sarebbe venuta a trovarmi per un weekend e la nostra storia iniziò a New York, dove tornammo per coronarla nel giugno 2007, sposandoci a sorpresa prima dell’amico (il datore di lavoro di allora) che ci aveva invitati al suo di matrimonio.
L’ultima volta tornammo nell’estate del 2010 per far conoscere il nostro piccolino, allora di 7 mesi, ai parenti. Oggi posso dire che sia loro che The City mi mancano, e parecchio…

Diario di bordo della Atlantic Twin, 11 novembre 2004.

Continue reading “Captain’s Log, Nov 11, 2004.”

Ma che Katsu di nome è?

logoSono sempre stato affascinato dal motto dell’Aikido. Masagatsu Agatsu Katsu Ayabe. 正勝 吾勝, 勝早日: La vera vittoria è la vittoria su se stessi, la vittoria qui ed ora.
Esistono diverse traduzioni letterali della frase di Morihei Ueshiba, il Fondatore dell’Aikido, ma il succo è che il nostro più grande nemico è dentro di noi e se lo sconfiggiamo avremo ottenuto la vera vittoria.
Ho provato sulla mia pelle la fatica di questa battaglia e sono anche convinto di avere ottenuto molte vittorie. Non sto parlando di pratica marziale ma di vita (ma non è lo stesso?).