Being who we really are

Not many of us are lucky enough to be who they really artumblr_oav00tykwc1vpv2xso1_400e. The luckiest at least just “know” who they really are even if they actually aren’t that. I’ve always admired people who made a life out of their passions. It takes a lot to do it, unless your passion is working for a bank or be a government employee. You study and work in order to get a job and you’re done. What if you want to be a painter? The entire world will tell you not to do it, you will be starving, you need at least a plan B. But the ones who keep on and succeed in this are the one who did not listen… Continue reading “Being who we really are”

Thanksgiving my ….?

thxThis year I had the chance to celebrate the Thanksgiving with some American friends of mine. I am completely Italian and I still have many doubts about celebrating Halloween in our country or having a Black Friday here. But I am the same one who didn’t believe McDonald’s had a chance in the country of pizza and I am still dubious about any business for Starbucks here. But I was proved wrong, so I gladly enjoyed the thanksgiving dinner in Rome with some dear American friends.

Continue reading “Thanksgiving my ….?”

My 14-year-old niece just bought her first new turntable

victoria3It is quite incredible that in the age of Spotify and Apple Music a teenager has actually looked for and purchased a turntable off the Internet. Vinyl records sales have surpassed the CDs a while ago. Digital music does no longer need a physical support. Compressed formats have reached an almost accetable quality even to hifi geeks like me. Teenagers largely use their own phones to download or stream their preferred music and MP3 players are disappearing. Nonetheless people have continued to buy vinyl records at an increasing rate. What surprised me was that teenagers would do it, too! Continue reading “My 14-year-old niece just bought her first new turntable”

Not only a matter of sound quality

back-to-the-vinyl-640x360The vinyl record boom of the latest years is often explained as an acknowledgement by new and old fans of the superior sound quality of the analog medium over the digital one. Many do not even imagine how well can a vinyl record sound, though we should make clear what kind of digital we are talking about. But that is not the point. Vinyl’s charm is completely different. It has now become a matter of fashion, following the attraction for “vintage” that many have now, as if modern times were less attractive than the past; it’s as if the objects that remind us of a time gone appear more and more desirable. But there’s more to it…

Continue reading “Not only a matter of sound quality”

I danni dell’ignoranza

airgunL’ignoranza non è solo brutta ma fa anche danni molto gravi. Recentemente il Senato aveva approvato una nuova legge contro i reati ambientali, un’ottima legge se non fosse per una norma che inseriva tra i reati anche la tecnica di prospezione sismica a mare utilizzata normalmente in tutto il mondo. Per fortuna del progresso scientifico e tecnologico e dell’immagine del nostro paese, già non troppo edificante, per cui si fatica ad attrarre investimenti esteri, il Senato ha approvato la legge contro gli ecoreati eliminando la norma contro le prospezioni a mare. Ed ecco che la rete pullula di proteste contro il governo che avrebbe dato così via libera ai petrolieri con le loro bombe a mare, le cosiddette “bombe sismiche”.  Continue reading “I danni dell’ignoranza”

I mulini a vento

firefox.linuxQuando ero tutto Linux e OpenOffice e lavoravo all’università tra fior di ricercatori e menti aperte, ho provato ad applicare alla realtà il fare a meno dello strapotere di Microsoft. Niente Windows, niente Office! Linux e OpenOffice funzionavano a meraviglia. Esportavo in formato Microsoft se necessario. Outlook? No, Thunderbird era fantastico. E chi ha bisogno di Internet Explorer quando Firefox è sempre stato nettamente superiore?
Continue reading “I mulini a vento”

Buon Natalis Solis e Kado Matsu a tutti!

stonehengeE’ noto come il Natale cristiano sia stato “posizionato” dalla Chiesa appena dopo il solstizio di dicembre, nella accorta opera di sovrapporre ad ogni festa pagana una festa cristiana, così come aveva fatto con le chiese costruite sui templi romani. La festa pagana del solstizio d’inverno (21 dicembre) era festeggiata sin da tempi immemori. Il sole raggiunge il suo punto più basso dell’anno a mezzogiorno sull’orizzonte il 21 dicembre (considerato astronomicamente l’inizio dell’inverno) e sembra fermarsi lì per pochi giorni (solstizio : il sole che “staziona”), poi “riparte” – ed è proprio questa la chiave di lettura. Si ricomincia, nuova vita, si va verso un tempo migliore. In occidente come in oriente, si festeggia l’inizio della fine della notte artica, un periodo duro e buio (il giorno più corto, dopo il quale le giornate si riallungano), salutando l’inizio di uno migliore, più luminoso e ricco di speranza. Continue reading “Buon Natalis Solis e Kado Matsu a tutti!”

Il bluetooth e la pubblicità della cioccolata

cailler_kinder_1Questo quadretto carino è da sempre nella nostra casa – intendo da quando vivo con mia moglie (2005). Lei lo aveva già da diversi anni prima e ci tiene molto. E’ una vecchia illustrazione di inizio novecento, realizzata per la ditta francese F-L Cailler, produttori di cioccolato. Ne abbiamo una stampa su lastra metallica appesa ad una parete in cucina. Che c’è di strano?

Qualche giorno prima di scrivere questo post, avevamo un amico a cena. Ad un tratto il nostro ospite nota qualcosa che noi in 10-15 anni non avevamo mai notato… Continue reading “Il bluetooth e la pubblicità della cioccolata”

Incontro ravvicinato dello 0° tipo

ufoDurante la notte del 15-16 dicembre 1978 ad un certo punto mi svegliai. Non ricordo molto, tranne che mia sorella, che dormiva nella stessa stanza, ronfava tranquillamente. Avevo 14 anni e lei 12. Abitavamo a Campobasso, in Molise, regione di origine dei miei; circa 4 anni prima ci eravamo trasferiti da Roma, città natale mia e di mia sorella, nonché adottiva di mia madre. Abitavamo in via Monte Grappa, che allora finiva nelle campagne con 4 palazzine di 4 piani che racchiudevano un cortile in cui imperversavamo tutti i giorni con i nostri giochi insieme a tanti altri ragazzini. Le palazzine si ergevano lungo la ferrovia che portava alla costa adriatica, su di un grosso garage che fungeva da rimessa per i mezzi pesanti della più grossa impresa di costruzioni del posto, la Molinari, molto nota anche perché il suo proprietario era allora il presidente della locale squadra di calcio. Continue reading “Incontro ravvicinato dello 0° tipo”

Posts navigation

1 2